Caricamento in corso...

Assistente Alla Comunicazione Lis

Corso in aula

Informazioni

Modalità lezioni In aula / in presenza
Sede di svolgimento Via del Commercio sn - 75100 Matera
Data inizio corso 6 luglio 2015
Data fine corso 15 ottobre 2015
Descrizione

La Lingua dei segni italiana (LIS), modalità comunicativa che passa attraverso il canale visivo-mimico-gestuale (a differenza delle lingue vocali che vengono trasmesse e recepite mediante il canale uditivo-verbale-fonatorio), è la lingua che le persone sorde utilizzano per comunicare e non un sottocodice di una lingua vocale.
Il corso per Assistente alla comunicazione prevede in un percorso didattico finalizzato alla formazione di personale qualificato.
Obiettivi formativi qualificanti sono:
- ottima competenza nella lingua dei segni italiana;
- adeguate conoscenze nella storia e la cultura dei sordi in Italia;
- adeguata capacità di tradurre dalla LIS all’italiano e viceversa;
- buona competenza nei linguaggi tecnici;
- buona conoscenza della legislazione relativa all’handicap;
- buona conoscenza del funzionamento delle istituzioni pubbliche e formative e della legislazione ad esse relative.

L’allievo deve acquisire competenze:
Relazionali:
- l’OPERATORE Lis deve possedere la capacità di sapersi porre in relazione con gli altri, bambini ed adulti, ed in particolare ai loro bisogni, alle loro richieste e specifiche modalità individuali
- sapersi relazionare al livello comunicativo del sordo, sia rispetto alla sua fascia d’età sia ai campi situazionali;
- favorire la comunicazione senza filtrarla.
Linguistiche:
- l’OPERATORE Lis, in ambiente scolastico, è un modello linguistico in quanto cerca di rendere accessibile la lingua vocale e scritta, sfruttando il canale integro del bambino, attraverso strategie e modalità visive, come ad esempio l’articolazione labiale e la dattilologia.
Professionali:
tra le competenze professionali dell’OPERATORE Lis rientrano le conoscenze specifiche sulla sordità. L’operatore deve possedere conoscenze non solo sulla sordità, dal punto di vista clinico, ma anche dal punto di vista culturale, deve conoscere le diversità, tra l’essere figlio di genitori udenti o l’essere figlio di genitori sordi, il modo in cui può reagire una famiglia, il tipo di supporto da offrire, informare delle principali leggi in materia.
Considerata la specificità della figura professionale, la formazione della stessa avrà una impronta pratica con stage e laboratori nelle sedi che istituzionalmente e tradizionalmente, provvedono alla erogazione di servizi tipici della figura professionale.
L’impiego di tale operatore diventa sempre più significativo sia nei settori scolastico e sociale, nonché in quelli pubblici e privati, istituzionali e amministrativi.

PROGRAMMA
Cenni storici sull’ educazione dei sordi
Storia ed evoluzione della lingua dei segni
Movimenti delle mani
Parametri
Nome e Verbo
Tipi di frasi
Classificatori
Coppia minima
Segni idiomatici
Segni asimmetrici e simmetrici
Labiolettura e dattilologia
Sordità e scuola
- Diagnosi funzionale
- Pdf (profilo dinamico funzionale)
- Pei (progetto educativo individualizzato con OSA)
- Assistenza e didattica
Varianti della lingua dei segni
Segni e gesti
- Lingua dei segni
- Lingua gestuale
- Gestualità
Tecniche d’interpretariato:
- consecutiva
- simultanea
- trattativa



REGIONE BASILICATA - P.O. FSE BASILICATA 2007-2013
AVVISO PUBBLICO - "ASSEGNI FORMATIVI PER ESPERTI LIS"

Questo sito utilizza i cookies per assicurarti un'esperienza migliore. Continuando a navigare, acconsenti all'utilizzo degli stessi.